Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri in offerta

Cervello. Manuale dell'utente

Guida semplificata alla macchina più complessa del mondo

di Magrini Marco

editore: Giunti

pagine: 256

«Così come Copernico, Galileo e Hubble hanno cambiato la concezione del nostro posto nell’universo, una straordinaria messe di
8,99 2,99

Il modo di dire addio

di Leonard Cohen

editore: Il Saggiatore

Leonard Cohen che scrive poesie su una Lettera 22, seduto al tavolino di una stanza gelida. Leonard Cohen in abito fumé, che alza il fedora di feltro per salutare la sua band. Cohen in un monastero zen, conosciuto da tutti i monaci come Jikan, «il Silenzioso». Leonard Cohen in Grecia, mentre lavora a un romanzo sotto lsd. Cohen a Montréal, Cohen a Londra e a New York. Cohen l’ebreo che canta un Cristo marinaio. Cohen e il suo sguardo dolce, Cohen gentiluomo. Cohen disperato. Cohen dalla voce tenebrosa e dorata, Cohen alcolizzato. Cohen figlio di un sarto, Cohen portavoce di ogni uomo perduto. Cohen e un amore finito. Cohen con Janis Joplin, su un letto sfatto del Chelsea Hotel. Cohen e Marianne. Cohen e Suzanne.La vita di Leonard Cohen è stata un cammino di gloria e tormento, di sconfitta, eleganza e fragile bellezza. Il suo esordio come cantautore è arrivato solamente a trentatré anni, dopo tre raccolte di poesie e due romanzi acclamati dalla critica e ignorati dal grande pubblico. Cucendo insieme musica e parole ha creato la sua arte, fatta di suoni vellutati e canti dall’abisso, di tradimenti, addii, di morte e desiderio, di impermeabili blu e uccelli sul filo. Ha dato voce a chi si consumava nell’attesa, ha sussurrato di misticismo, malinconia, di sesso e solitudine; ha alzato il suo Hallelujah verso un mondo sacro e distrutto, sporco e incantato. Ha dato forma all’amore come redenzione, promessa non mantenuta, vortice in cui sprofondare, lasciando canzoni nate dall’assenza e dalla privazione, poesie scure come la cenere depositata dal fuoco ardente ma effimero del tempo.Il modo di dire addio è il libro in cui Leonard Cohen confessa in prima persona la propria vita e la propria arte. Attraverso decine di interviste inedite in Italia – accompagnate da una lettera in cui Francesco Bianconi, autore e voce dei Baustelle, racconta il suo Cohen più intimo, costantemente in bilico tra esistenza e poesia – scorrono cinquant’anni di episodi e brani indimenticabili, da «Suzanne» a «I’m your man». E si svela a poco a poco il complesso mondo interiore di un uomo per cui la depressione è sempre stata una realtà quotidiana con cui lottare, un mare scuro da cui emergevano in superficie le sue canzoni, perché ogni sua parola era un’esplosione di luce.
21,99 19,99

Io sono l'impostore

Storia dell'uomo che ci ha fregati tutti

Autori vari

editore: Il Saggiatore

Regola numero uno: per avere successo non occorre fare i fatti, basta inventarli e poi convincere gli altri che siano veri. È stata questa la folgorazione che ha portato alla ribalta l’impostore più visionario della storia italiana. Nato nei quartieri di Milano dove imperversavano Renato Vallanzasca e le Brigate rosse, a diciassette anni fugge dalle combriccole criminali di via Padova e dai primi bucomani del Parco Lambro per vendere enciclopedie porta a porta nella provincia bergamasca. Venti anni più tardi il suo nome spicca per la prima volta sul Corriere, accanto a quelli di due insospettabili clienti: George Clooney e David Beckham. È l’inizio di una scalata inarrestabile. Il suo nome è Alessandro Proto e, anche se non ce ne siamo accorti, ci ha fregati tutti.Da Milano a Lugano, da Parigi a Londra e a New York, l’impostore ha fatto affari con Donald Trump e i padroni della Terra, ha scalato aziende dal fatturato milionario, risollevato le sorti della stampa nazionale, terrorizzato i politici con le sue ambizioni presidenziali e ha ispirato il protagonista di Cinquanta sfumature di grigio. Ha sedotto, con grazia e superbia, alcune delle donne più belle del pianeta, mentre un elegante manipolo di adepti incravattati ne seguiva pedissequamente le gesta. Ma il suo più grande successo rimarrà un altro: non aver fatto assolutamente niente di tutto questo. Alessandro Proto non è mai stato il finanziere, l’imprenditore, il politico, il dongiovanni che ha sempre dichiarato di essere. Ha fatto tremare l’Italia nascosto dai vetri del suo uffi cio milanese, dal quale notte e giorno rilasciava interviste e comunicati stampa su imprese leggendarie ma totalmente inventate. Dal Corriere al Sole 24 Ore, dal Daily News al Mundo, i giornali hanno fatto a gara nel raccontarle, senza mai verificare le fonti. E tutti ci abbiamo creduto.Io sono l’impostore è la storia vera di Alessandro Proto, l’uomo che ha incarnato l’epica della menzogna, l’apologia del sogno e l’archetipo della postverità, e che ora ha deciso di svelare in questo libro tutti i suoi inganni. Una storia tanto riprovevole quanto straordinaria che ci espone a due reazioni pericolose e inconciliabili: la condanna inflessibile della falsità, oppure l’illuminazione impudente che ognuno di noi possa diventare, seguendo queste regole, l’uomo o la donna che ha sempre sognato.
13,99 12,99

SUMMA CUM LAUDE 1° 2017

Premio letterario per le MIGLIORI TESI UNIVERSITARIE Sotto l’egida della Musa CLIO

Autori vari

editore: Montecovello

Premio letterario per le MIGLIORI TESI UNIVERSITARIE Sotto l’egida della Musa CLIO
8,99 7,99

Elogio del silenzio

Come sfuggire al rumore del mondo

di John Biguenet

editore: Il Saggiatore

Che cos’è il silenzio? È l’assenza di qualunque suono? È una mera astrazione del pensiero, o forse – come scrisse José Saramago – solo il silenzio esiste davvero? Nel silenzio possiamo riordinare i pensieri scossi dalla frenesia della quotidianità, trovare pace dopo aver subito delusioni o prevaricazioni; ma possiamo anche vivere l’angoscia dell’attesa, l’inquietudine dell’ignoto, lo spettro della solitudine. Il silenzio dei vili può coprire nefandezze e sopraffazioni, ma il silenzio dei forti può essere un gesto di estremo coraggio, di fiera opposizione alle lusinghe e alle minacce del potere.Mentre oggi la scienza pone in dubbio la sua reale esistenza, autori come Shakespeare, Sterne, Twain, Poe e Rilke, artisti come Rothko e Duchamp, e musicisti come Cage si sono interrogati sul significato del silenzio e sulla sua rappresentazione nella letteratura e nell’arte. E proprio nella varietà e contraddittorietà delle risposte risiede il grande fascino del silenzio, che John Biguenet restituisce in questo libro indagandone le mutevoli e variegate sembianze: premio o punizione, arma letale o strumento di resistenza, vuoto da riempire o sensazione di pura pienezza, bene di lusso o disturbo da evitare.In un mondo che procede febbrile, snervante e caotico, sempre più spesso il silenzio sa esprimere meglio delle parole le passioni umane, dalle più esaltanti e virtuose alle più tristi: con prosa lieve e cultura sconfinata, Biguenet ci ricorda che inseguirne il fragile, utopico incantesimo è oggi il modo migliore per prenderci cura di noi stessi.
13,99 12,99

Karma clown

Dispacci da una nazione iperreale

di Altaf Tyrewala

editore: Racconti Edizioni

Se Mumbai è un crocevia di vite e paradossi, fragori e umori, smerci e traffici, allora Altaf Tyrewala ne è il suo indiscusso e smaliziato cantore. Con un’ironia sferzante e una lingua freschissima, l’autore ci spedisce dispacci da un mondo quadrimensionale. Un mondo in cui ci si muove a un ritmo indiavolato per stare dietro alle peripezie di registi porno anticolonialisti, librai che non leggono più libri, mascotte di fast-food tristi e donne delle pulizie il cui bene più prezioso è una bottiglia d’acqua minerale. La tensione che anima le storie è la tensione stessa di Mumbai, città contesa tra etnie, religioni e stile di vita occidentale. Il tutto però finisce spesso per sciogliersi in una sonora risata.
10,99 8,99

Lezioni di nuoto

di Rohinton Mistry

editore: Racconti Edizioni

Non c’è teoria che tenga, non esiste manuale perfetto. Arrivati al limite dell’insegnamento, per forza di cose, ci si imbatte nella parabola del nuoto: per imparare a nuotare, si sa, non c’è altro metodo che buttarsi in acqua. Le Lezioni di nuoto di Rohinton Mistry seguono questa via. La piscina è lo scenario del Firozsha Baag, complesso residenziale situato ai margini di Bombay che è al contempo immaginario narrativo di tutto il percorso dell’autore indiano-canadese. Per entrarvi occorre un po’ di riscaldamento, certo, perché l’ingresso in acqua è di quelli gelidi, immersi come si è dalla prima pagina in un funambolico naufragare fra linguaggi e culture diverse, sapori e odori singolari, routine bizzarre e piccanti idiosincrasie. Ma a dialogare non sono soltanto i segmenti del più policromatico mosaico indiano, non solo le particolarità che rendono l’immonda spiaggia di Chaupatty più colorata delle profondità coralline delle Maldive; a ribaltarsi, a strizzarsi l’occhio sono le stesse prospettive che compongono il materiale umano del compound. Rustomji-lo-spilorcio, il piccolo e timido Jehangir con i suoi francobolli, l’ayah di casa Jaakaylee e il fantasma che la perseguita, i mirabolanti racconti sportivi di Nariman. Il microcosmo si fa così chiave di lettura del mondo. Ma con la magia della letteratura la messa in scena non mostra tanto l’esterno, facendoci respirare la stessa aria dei personaggi, quanto più l’intimità, portandoci al di qua dell’osservabile, nell’animo degli abitanti e in quell’universo trepidante aperto solo dalla nostalgia.
10,99 8,99

Albero di carne

di Stephen Graham Jones

editore: Racconti Edizioni

Di cosa abbiamo paura? Di ciò che non conosciamo, dell'ignoto, del corridoio buio in cui quel poster con i teschi fluorescente è l'unica, sinistra luce, di quella sagomache si staglia come un'ombra minacciosa nel vano della porta, di quella leggenda metropolitana su una strega raccontata in un giornaletto da quattro soldi. La paura è antica quanto l'infanzia dell'uomo. E non è un caso che i protagonisti delle fiabe nere di "Albero di carne" siano spesso ragazzini, outsider che vogliono essere accettati o magari solo scomparire, sparire nelle viscere della terra e perseguitare chi rimane con il loro ricordo stampato su vecchi volantini d'annata. Ragazzini che non diventeranno mai uomini e donne. E nell'infanzia, del resto, che siamo più sensibili e vulnerabili alla vera essenza dell'orrore, quando ancora non abbiamo sviluppato quella coltre di razionalità che ci rende impermeabili al fascino e alla paura dell'inesplicabile. Padri e figli abbandonati nella tormenta, rodei e trasmigrazione delle anime, venditori di rimedi miracolosi che viaggiano seminando morte di città in città, adolescenti disposte a martoriare il proprio corpo e quello degli altri, orche assassine e lupi mannari, cani poliziotto e dodicenni alle prese con il primo bacio, gli incubi di Jones usciranno della pagina e animeranno le vostre notti.
10,99 8,99

Stamattina stasera troppo presto

di James Baldwin

editore: Racconti Edizioni

Parigi, una vigilia. Un attore americano – bellissima moglie svedese, un figlio che saluta con «bonsoir» e un amico regista a cui deve il successo – sta per vivere la sua ultima serata in terra straniera. Si tratterebbe della fine di un esilio, della strada verso casa; ma non è così. Per un nero americano il momento del ritorno è sempre mancato. È stamattina stasera troppo presto, come l’ora di chi nasce espatriato. È una lunga e agitata notte di incubi. La nostalgia irrisolta di un uomo a cui hanno negato le radici.
Col suo percorso biografico, negli otto blues della raccolta, James Baldwin rivive e dischiude momenti dell’intero spirito nero americano. Senza patria e senza padre nell’infanzia passata fra i vicoli e le scale antincendio di Harlem. Solo contro il peccato e la minaccia della pena di fronte ai sermoni e lo spettacolo estatico dei gospel. Disadattato e frustrato contro i pregiudizi dei razzisti, dei buonisti alla zio Tom, dei neri disillusi e abbandonati a loro stessi fra le strade e i punti
esclamativi di Manhattan. Commosso sulle note di un fratello – di ogni fratello – che ha gettato la vita per inseguire Charlie Parker.
Nella lotta per l’identità di una coscienza, quella nera, da sempre lacerata, la discesa fino all’inconscio appare come l’unica salvezza contro l’ossessione del colore e la paura per la propria vita. Così Baldwin si fa universale:
bianco e nero, saggista e narratore, moralista e libertino. Scava nell’anima fino al peccato originale in cui è svelata, come un fuoco, la più gratuita delle brutalità dell’uomo contro il corpo dell’uomo.
10,99 8,99

Famiglie ombra

di Mia Alvar

editore: Racconti Edizioni

Famiglie ombra parla al cuore di chiunque abbia mai cercato un posto che si possa chiamare «casa». Nove storie figlie della diaspora filippina e di un tempo in cui la distanza sembra essere la barriera, alla perenne ricerca, come siamo, di ricongiungerci con chi amiamo, separati da confini reali o solo immaginati.
Mia Alvar riversa intere vite in poche pagine e tratteggia una paziente geografia dei sentimenti, un itinerario umano capace di abbracciare in un solo potente sguardo i bassifondi di Manila, la New York dell’11 settembre e il Medio oriente di chi sgobba nel deserto per mandare i soldi in patria. Un farmacista ormai newyorkese ritorna a casa carico di medicine contrabbandate, per assistere nella morte un padre che ha sempre odiato e a cui inevitabilmente ha finito per assomigliare. In Bahrein, una conventicola di riccone filippine dà feste e organizza karaoke per i compatrioti meno fortunati, in attesa che una serpe in seno mandi in rovina quel castello di smancerie. E poi le vicende familiari e politiche dei coniugi Aquino, raccontate proprio mentre il loro destino – e quello della nazione tutta – sta tragicamente per compiersi.
Una volta Alvar ha descritto così il suo paese: «le Filippine sono state colonizzate dagli spagnoli per 400 anni e dagli statunitensi per 50: 400 anni in convento seguiti da 50 a Hollywood». Una inconciliabilità riflessa nella sua scrittura ambiziosa, in cui la Storia si insinua nelle storie, cesellando veri e propri romanzi in miniatura gravidi di una sensualità sospesa tra fedeltà «cattolica» ed emancipazione «americana».
11,99 10,99

Appunti da un bordello turco

di Philip Ó Ceallaigh

editore: Racconti Edizioni

Appunti da un bordello turco segna un duplice esordio: quello di Philip Ó Ceallaigh, uno scrittore irlandese giramondo e votato alla missione della short story, e quello di Racconti, una casa per i racconti. Entrambi raminghi sinora, si spera che finalmente possano trovare una sistemazione e mettere su famiglia. Riesce difficile immaginare un altro libro con cui sarebbe potuta partire quest’avventura.
Un libro sul mondo e sui suoi margini più estremi: fra Turchia, Romania, Stati Uniti; in diroccate palazzine sovietiche, fra strade sconquassate e inquinate dallo smog, o in mezzo a una natura ostile che sembra volersi riprendere quello spazio che gli esseri umani, violandola, le hanno negato. Un mondo di cinici solitari attrezzati a far fronte alle brutture della società, di sradicati che hanno scordato i rudimenti per stare al mondo e di esploratori alla ricerca di un angolo dove essere finalmente soli, immersi come sono in un perverso gioco dell’oca in cui devono sempre ricominciare da zero i loro percorsi. Filosofi inconsapevoli, ragionano sul male come dei Dostoevskij umiliati e offesi e come Camus dei bassifondi prendono coscienza dell’Assurdo. Diciannove racconti attraversati da un senso dell’umorismo corrosivo e da un’ineguagliabile capacità di rivelare la contraddizione.
10,99 8,99

Una coltre di verde

di Eudora Welty

editore: Racconti Edizioni

Nel vecchio Sud – dove i pionieri dànno il nome alle città e gli indiani alle piste – ci sono tante storie quante increspature d’acqua fra le sponde del Mississippi. Di bocca in bocca vagano errabonde come commessi viaggiatori malconci, loschi autostoppisti e menestrelli, sorvolando sentieri impervi dove le vecchine si perdono in convenevoli con spettri e alligatori. Le senti frusciare, queste storie, fra i rami piangenti dei salici, oppure risuonare come la cantilena ciancicata di uno zotico, o quella ciarliera e pettegola di un salone di bellezza. Alcune incedono sincopate come un ritmo jazz, altre seguono il ridondare inquieto di una sirena che annuncia la gelata. Addirittura, ce ne sono che hanno il rumore del silenzio, e della voce capace di spezzarlo: quelle che incarogniscono e incavano i volti come pennellate alla Courbet, facendone caricature non meno grottesche dei fenomeni da circo. E poi ci sono scrittrici – come Miss Welty – che queste storie le registrano su nastro, che incorniciano il mondo fra le mani come adolescenti innamorate, che aprono il sipario, una coltre di verde, al teatro dell’umano e alle sue improvvisazioni.
11,99 10,99

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.